Accensione da un solo punto luce

Questo tipo di impianto è normalmente impiegato per quei locali dove normalmente non sono previste lunghe soste e quindi non necessitano di ulteriori punti dove spegnere o accendere il punto luce del locale stesso.
Ad esempio cucine, bagni, ripostigli, cantine ecc.



La Teoria

L' elemento principale di questo circuito è chiamato interruttore. Il suo scopo è quello di aprire o rispettivamente chiudere il circuito elettrico ogni volta che viene azionato. Nella figura1 possiamo vedere lo schema di principio di questo circuito nello stato di "riposo" e quindi con la lampada spenta. Nel caso di attivazione dell'interruttore il circuito si chiuderebbe con la conseguente accensione della lampada. Il filo che dalla lampada arriva all'interruttore è chiamato ritorno.

accensione-da-un-punto

Figura 1 - Schema di principio accensione punto luce da singolo punto

La Pratica

Prima di cominciare a lavorare sul impianto elettrico ricordiamoci sempre della sua pericolosità e rispettiamo quindi queste nozioni fondamentali.

Punto A colleghiamo l' interruttore

collegamento-interruttore

Figura 2 - connessione di un interruttore unipolare

Collegare un' interruttore è relativamente semplice. Questo dispositivo presenta due morsetti, che come abbiamo visto nello schema precedente, dovremo collegare alla fase e rispettivamente al ritorno della lampada. Vediamo ora nel dettaglio come fare. Dopo aver preparato i conduttori,Colleghiamo al morsetto centrale o principale il conduttore di fase (marrone, punto A figura 2) e al morsetto secondario il ritorno lampada (viola punto B figura 2) Per il tipo di dispositivo una connessione incrociata dei conduttori non porta a specifiche problematiche o violazione di norme, l' inconveniente è rappresentato dal fatto che collegando l' interruttore come in figura si ottiene che nello stato a riposo, quindi a luce spenta, la parte inferiore risulta sporgente, mentre se si collega al contrario risulta a lampada spenta la parte superiore sporgente. Non sempre infatti è possibile girare completamente la placca anche se l' interruttore è l' unico frutto, in alcuni casi se si monta il supporto capovolto si è poi "costretti" a montare anche la placca al contrario mostrando le eventuali scritte capovolte.


Punto B colleghiamo il portalampade

collegamento-portalampada

Figura 3 - connessione di un portalampada

Nel esempio il nostro punto luce sarà una plafoniera, dalla quale abbiamo già fatto passare i nostri file neutro,ritorno (nell'esempio viola), e terra.Ora non ci resta che collegare il portalampade presente nella plafoniera stessa. Il portalampade in figura è composto da tre elementi separabili, non tutti quelli in commercio naturalmente possiedono le medesime caratteristiche, ma tuttavia sono simili. Facciamo passare prima i fili nella base inferiore del portalampade.
Colleghiamo poi il neutro(filo blu chiaro) al contatto della virola (figura 3 punto A), che è il contatto che tocca la parte a vite (chiocciola) della lampadina. Il ritorno dell'interruttore va collegato sull'altro contatto (figura 3 punto B). Questo tipo di connessione è necessario per evitare che durante la sostituzione della lampadina toccando appunto la chiocciola della stessa si entri in contatto con la fase. Nella figura 3 punto C possiamo vedere dove andrà avvita la lampadina, in questo caso il filetto è in plastica e quindi un contatto accidentale è più difficile poiché la chiocciola della lampadina verrà a trovarsi a contatto con la virola quando essa sarà avvitata quasi del tutto. Tuttavia esistono ancora molti portalampada con filetto in metallo dove è più facile avere un contatto accidentale. vedi dettaglio Dettaglio connessione portalampada Finito la parte di connessione possiamo avvitare tra loro le parti del portalampada. Aggiungiamo che se siamo in presenza di un lampadario o in generale comunque di un centro luce di metallo bisogna provvedere a collegare anche il filo di terra, che non sarà necessario collegare viceversa se si tratta di un centro luce di materiale non conduttore (plastica, ceramica, vetro ecc) Normalmente nelle plafoniere con base metallica è presente una vite con un simbolo di terra dove è necessario collegarvi il conduttore di terra (giallo-verde)




Nozioni di sicurezza

  • Disinserire l' alimentazione dall'impianto (tramite ad esempio il differenziale) e Assicurarsi da intempestivi reinserimenti
  • Verificare l' assenza di tensione tramite i vari strumenti ( cercafase , tester)
  • Rispettare i colori dei fili e le norme in genere




Hai una qualche esperienza o conoscenza riguardante questo argomento? Se vuoi aiutarci, allora per favore aggiungi un commento!
 

Commenti  

 
#26 Lo Staff BP 2016-06-26 16:57
Ciao Domenico,
In questo caso si intende collegamento.
Citazione
 
 
#25 Domenico 2016-06-26 16:36
Salve, sapreste dirmi gentilmente cosa vuol dire fare il pairing tra lampadario e interruttore? Grazie.
Citazione
 
 
#24 Lo Staff BP 2015-03-30 18:37
Ciao Nicola,
Devi accendere spegnere le lampade da un solo Punto?
Se si allora il circuito é semplice,
in riferimento allo schema dell'articolo ti basterà aggiungere in parallelo una lampada per ogni interuttore.
Citazione
 
 
#23 nicola 2015-03-30 07:30
devo collegare 4 lampade in giardino, con accensione dall'interno a due a due, quindi con due interrutori.
puoi aiutarmi? grazie
Citazione
 
 
#22 Lo Staff BP 2014-09-14 12:57
Ciao Emidio,
Ci devi fornire qualche informazione in più:
-Si tratta di lampade ad incandescenza, fluorescenti o led?
-Il tuo punto luce si accende da un solo punto o più? , é composto da "interruttori" o da relè-pulsanti
la luce nelle lampade è "tenue" è una vera e propria "accensione totale"?
Citazione
 
 
#21 Emidio 2014-09-13 09:55
Salve ho un grosso problema a luci spente le lampadine continuano ad accendersi e spingersi per tutto il giorno e di notte sapete aiutarmi grazie
Citazione
 
 
#20 Lo Staff BP 2014-08-22 18:17
Ciao Gabriele

Se intendi che il tuo lampadario ha 6 luci è tu vuoi dividerlo in 2 gruppi di luci diverse,
basta raddoppiare i componenti deviatore - Invertitore – deviatore in modo da gestire 2
linee di lampade.
Ovviamente ogni ritorno dei singoli gruppi è collegato in parallelo e poi collegato a uno dei deviatori. Quindi nel esempio 3 ritorni saranno collegati in parallelo e andranno ad un deviatore
e altri 3 sempre in parallelo tra loro andranno all'altro.
Citazione
 
 
#19 Gabriele 2014-08-22 17:57
Ciao,
dovrei collegare un lampadario a luci partizionate tipo tre e due o tre e tre a tre punti luce. Io so farlo con una luce, tipo deviatore - Invertitore - deviatore., ma con un lampadario e sei luci lo so fare accendere solo con due interruttori, ma non da tre punti luce. Potreste spiegarmi come si fa? Grazie Gabriele -Saluti
Citazione
 
 
#18 Lo Staff BP 2014-08-14 18:29
Ciao Antonio,

Basta che colleghi "in parallelo" le lampadine (portalampade).
In poche parole, colleghi in un morsetto di ogni lampadario il ritorno (filo rosso) e all'altro morsetto dei lampadari colleghi il neutro (il filo blu)
Citazione
 
 
#17 antonio 2014-08-14 15:48
devo fare un impianto luce con due lampadine e un solo interruttore come devo fare vi ringrazio anticipatamente della vostra risposta grazie
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Sono rappresentate solo lettere minuscole e numeri

Codice di sicurezza
Non riesci a leggere? Provane un altro